Home

 
 
 
 
  Primo Piano

Economisti, quale futuro dopo la critica?

Criticare il pareggio di bilancio, l’insensatezza della riduzione del debito, della esasperata flessibilità del lavoro, o l’austerità espansiva è un esercizio di buon senso e necessario. Lascia tuttavia un vuoto di progetto e prospettiva che riduce l’economista a mero “critico”, seppur diversamente declinato

La sensazione e l’umore di molti economisti sono quelli delle cronache del “tormentato periodo che va dal 1929 al 1936 […] dove […] gli economisti accademici […] non avevano saputo offrire pressoché nessun suggerimento politicamente accettabile circa un piano d’azione governativo, in quanto essi erano fermamente convinti della capacità d’autoregolamentazione del meccanismo di mercato … l’economia prima o poi...

continua  - leggi i commenti(5)
  In evidenza


alter | Teatro Valle

La sfida del comune

L'occupazione del Teatro Valle, nata come protesta tre anni fa, è diventata un simbolo di lotte per i beni comuni e per una differente visione e politiche culturali, oltre la logica del privato e del pubblico. In questi giorni si è aperto il capitolo due di questa storia. Come scriverlo, dipende da tutti noi

continua
Ambiente

Il decimo comandamento

di Guglielmo Ragozzino

Il decimo comandamento per noi è “Non inquinare o almeno ripulisci”. Il decimo e ultimo punto del progetto “Sblocca Italia”, annunciato all’inizio di agosto, è invece assai diverso e la dice lunga sulle chiare prospettive dell’Italia stessa. Cominciamo dunque con il leggerlo:

10) SBLOCCA ENERGIA: “Per sviluppare le risorse geotermiche, petrolifere e di gas naturale il progetto preve...

continua
italie
La favola dell'equità e dello sviluppo

Il governo parla di prelievi sulle pensioni pubbliche, che già sostengono il bilancio pubblico con un saldo attivo di 24000 miliardi tra le entrate contributive e le prestazioni


di Felice Roberto Pizzuti
alter
Lavorare meno, lavorare tutti

Una questione di qualità/«Lavorare meno, lavorare tutti». Che cosa ci dice oggi questo slogan tanto vecchio e tanto attuale, velleitario e profetico?


di Claudio Gnesutta
alter
Il lavoro oggi, una questione di qualità

La depressione del disoccupato e quella del precario, l'alienazione del professionista dequalificato e l'appiattimento di alcuni impieghi pubblici. Il lavoro ai tempi della grande crisi


di Andrea Pomella
alter
Il lavoro e la libertà dal padrone

Una questione di qualità/"Per mio padre libero voleva dire libero di non lavorare sotto padrone". Una rilettura da "La chiave a stella" di Primo Levi


di Primo Levi
globi
La solitudine del lavoratore

Una questione di qualità/Ripetitive, frammentate, spesso dequalificati: sono le mansioni che svolgono sempre più persone. Ecco perchè bisogna rimettere la qualità nell'agenda politica


di Angelo Marano
globi
Più sei qualificato e più trovi un impiego

Una questione di qualità/In Europa aumentano i manager mentre decrescono gli operai. Ecco come la crisi ha ridisegnato il mondo del lavoro


di Valeria Cirillo
globi
Il suicidio dell'austerità

Gli ultimi dati rilasciati ieri da Eurostat, l'agenzia statistica europea, confermano quello che ormai vanno dicendo da tempo schiere di economisti, anche di estrazione mainstream: la tanto sban...


di Thomas Fazi
italie
Sette anni di crisi fra gufi e struzzi

Sette anni sono passati dallo scoppio della crisi. Un'eternità. Sette anni. Ci sono giovani che hanno avuto tempo di iniziare e finire il loro ciclo di studi universitari per poi passare anni al...


di Dexter