Home

 
 
 
 
  Primo Piano

Def 2014, a scuola di cucina

Se gli ingredienti sono debito pubblico, Pil, e surplus primario, come si può cucinare un Documento di economia e finanza? Pubblichiamo qui il primo di una serie di articoli sul Def, presentato nei giorni scorsi dal governo Renzi. Per capire come è e come potrebbe essere

Visto il successo delle trasmissioni televisive di cucina, provo a suggerire una semplice ricetta che permette a tutti di costruirsi il proprio Def. Una ricetta che è un po’ quello che è il pan di Spagna per i dolci, una volta imparato a farlo ci si può sbizzarrire con tutti gli abbellimenti e le variazioni sul tema desiderati. Utile per ragionare sui numeri del Def e ipotizzare scenari alternativi, oltre che n...

continua
  In evidenza

Le proposte per un'altra Europa

Fermare l'austerità, espandere la democrazia, controllare la finanza. Alla vigilia delle elezioni europee Euro-pen presenta le sue proposte per disegnare un'altra strada per l'Europa. Il documento conclusivo del Forum al Parlamento europeo del 19 marzo scorso

continua
il bonus di 80 euro

Cui prodest?

di Chiara Saraceno

Bene che il governo si sia posto la questione di non escludere gli incapienti dal bonus di 80 euro riservato ai lavoratori dipendenti a basso reddito. Si eviterebbe così (il condizionale è d’obbligo perché le coperture non sono ancora individuate) l’errore più volte ripetuto in passato di escludere da un beneficio proprio coloro che ne avrebbero più bisogno (e diritto, nella misura in cui il...

continua
italie
Def 2014, la sinistra che non cambia è destra

I tagli di spesa previsti dal Def arriveranno a 20 miliardi nel 2015 e circa 30 nel 2016, incidendo profondamente sulle condizioni materiali di vita delle persone più in difficoltà


di Stefano Fassina
italie
Il Def e la teoria della “precarietà espansiva”

La ricetta del Def è un connubio perverso di “austerità espansiva” e “precarietà espansiva”. Una miscela che gioca a favore dei populismi europei e contro l’Europa stessa


di Paolo Pini
globi
Ttip, l'oligarchia diretta dei mercati finanziari

Tra privatizzazione del potere legislativo e contrattualizzazione del diritto, che sarà gestita dalle grandi corporations con l’aiuto delle law firms americane, le tante ombre del...


di Alessandra Algostino
capitali
È a Bruxelles la lobby più potente del mondo

L'esercito di lobbisti che affolla le istituzioni europee di Bruxelles è composto di 1700 addetti e può vantare un fatturato di 120 miliardi l'anno


di Andrea Baranes
alter
Un piano Marshall per costruire l'Europa sociale

Eurobond per finanziare la spesa pubblica europea. La proposta del sindacato tedesco, Dgb, al centro di un convegno a Bruxelles


di Cecilia Navarra
globi
Un disavanzo pubblico per la piena occupazione

Solo l'aumento della spesa pubblica può rimettere in moto la domanda. È quello che hanno fatto Usa e Cina ed è quello che l’Europa ostinatamente si rifiuta di fare, autocondannandosi al declino


di Andrea Terzi
alter
La nemesi della democrazia

Attenti popolo/Lo spettro populista che potrebbe materializzarsi alle elezioni europee è il frutto avvelenato di una democrazia in crisi, sia a livello statale che europeo


di Duccio Zola
alter
Vox populi, il «partito della crisi»

Attenti popolo/No global, critica delle élite e xenofobia. Il populismo di destra è il partito della crisi e rischia di fare il pieno alle elezioni europee


di Guido Caldiron